Castello di Fosdinovo

Tu sei qui

  • Il Castello Malaspina di Fosdinovo è sicuramente una delle fortezze più affascinanti della Lunigiana, sia per la sua splendida architettura, sia per le storie di cui è stato teatro nel corso dei secoli. Dalla sua posizione strategica, con lo sguardo che si estende sino al mare e alla piana del Magra, per secoli i Malaspina hanno controllato con pugno di ferro l’intero territorio. 

    La prima fortificazione risale al XII secolo e nel corso del tempo è stato modificato e allargato sino ad arrivare al castello che vediamo oggi: un edificio a forma quadrangolare con quattro torri rotonde, un bastione semicircolare e due cortili interni. Superato il portico rinascimentale si scoprono giardini pensili, loggiate e terrazze; si possono percorrere i camminamenti lungo le mura e da lì scrutare il territorio circorstante dalle Apuane, all’Appennino sino al mare: in lontananza la Corsica, l’Elba, la Liguria del Golfo dei Poeti che ha fatto innamorare scrittori come Shelley, Byron, Petrarca, Montale e in fondo, le Alpi Francesi…

    Potrà essere l’imponenza della sua mole in posizione dominante, la curiosità di immaginare come potevano vivere i Marchesi che un tempo governavano l’intero territorio o ancora la celata speranza di intravedere il fantasma del castello fluttuare per le stanze a spingervi alla visita guidata del Castello e dei tesori che custodisce, quel che è certo è che questa esperienza vi regalerà emozioni e suggestioni che vi faranno guardare al borgo di Fosdinovo e all’intera Lunigiana con occhi diversi.

    Un susseguirsi di stanze riccamente arredate, corridoi maestosi e cupi, stretti cunicoli, cortili interni preziosi come scrigni segreti, finestre e feritoie che permettono improvvise vedute su un panorama mozzafiato e ancora affreschi, ceramiche, monete, armi e strumenti di tortura che dalle segrete del castello ci conducono fino alle maestose torri panoramiche. La visita del castello attraversa sale arredate ed affrescate alla fine dell’800, passa per quella che si dice essere stata la camera di Dante - amico della famiglia Malaspina - e per la stanza del trabocchetto, sotto alla quale si trova ancora oggi la sala delle torture; una cosa è certa, la visita al Castello Malaspina di Fosdinovo è un viaggio attraverso la storia ed il mistero. Mistero perché sono molte le storie e le leggende che circondano il castello e i suoi abitanti, la più famosa delle quali è quella del fantasma di Bianca Maria Aloisia, figlia di Jacopo Malaspina e Olivia Grimaldi. 

    LA LEGGENDA DI BIANCA MARIA ALOISIA

    La leggenda racconta che la ragazza si fosse innamorata di un giovane stalliere, un affronto per la nobile famiglia che si oppose ai due giovani minacciando di rinchiudere la giovane nelle prigioni del castello. La resistenza dei due innamorati spinse i Marchesi a rinchiudere la figlia in convento e ad allontanare l’amante da Fosdinovo, ma quando lei si rifiutò di prendere i voti, fu riportata al castello, torturata e per evitare ulteriori scandali fu murata viva in una stanza insieme ad un cane, simbolo di fedeltà, e a un cinghiale, simbolo di ribellione. Oggi, si dice che il suo spirito viva ancora nelle mura del castello. La storia di Bianca Maria Aloisia è arrivata fino ai giorni nostri, memoria di una grande e tragica storia d’amore. 

    Quella al Castello di Fosdinovo, dunque non è una semplice visita museale, è un vero e proprio viaggio nel tempo che permette di attraversare i secoli passando dalle fortificazioni medievali al porticato rinascimentale, dagli arredi sei e settecenteschi agli affreschi di fine ‘800, scovando infine le opere d’arte contemporanea lasciate dagli artisti invitati al castello. E se la storia del fantasma contribuisce a creare un’atmosfera di mistero che rende il castello meta di 'ghost hunters' provenienti da ogni parte del mondo, anche per chi non cerca il mistero il Castello Malaspina di Fosdinovo resta un luogo di affascinante bellezza ricco di storia e cultura.

    Oggi, oltre che dimora privata e museo, il castello ospita anche un bed&breakfast ed è sede di una prestigiosa residenza per artisti e scrittori internazionali.

     

  • Note aggiuntive sugli orari:
    Il museo è aperto nei giorni e negli orari indicati per visite guidate. Orario estivo (1 maggio – 30 settembre) tutti i giorni escluso il martedì. Visite guidate alle 11.00 - 12.00 - 16.00 - 17.00 - 18.00. | Orario invernale (1 ottobre – 30 aprile) aperto il sabato e la domenica Visite guidate il sabato alle 15.00 - 16.00 - 17.00. Visite guidate la domenica alle 11.00 - 12.00 - 15.00 - 16.00 - 17.00.
Gratuite:
visita
Pagamento:
visita guidata, cena col fantasma, bed&breakfast

La redazione consiglia


Articoli, itinerari e consigli di viaggio dalla redazione di Trame di Lunigiana

Nei dintorni

Potrebbe interessarti